Serata dedicata contro il femminicidio ad Oppeano

Pubblicato il Pubblicato in News

img-20161124-wa0002 img-20161124-wa0003 img-20161124-wa0006 img-20161124-wa0008

Quali percorsi per le donne vittime di violenza?

Nella giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, l’Accademia della Formazione Sanitaria Verona in collaborazione con il comune di Oppeano hanno presentato una serata per sensibilizzare le nuove generazioni su una tematica tanto delicata quanto importante come la violenza sulle donne e cercare di porre fine a comportanti giustificativi e a una cultura della omertà che può portare fino ai numerosi casi di femminicidio.

sono intervenuti:

Dott.ssa Arianna Dilonardo_Psicologa Clinica, Criminologa
Dott.ssa Cristina Ferraccioli_Assistente Sociale Ulss 21 – intervento: “I servizi sociali nel percorso di protezione della donna”
Dott.ssa Laura Bresciani_Assistente Sociale Comune di Oppeano
Avv.Emilia Greco_ avvocato di Isolina e……. Telefono Rosa
Cristiano Zuliani_Sindaco di Concamarise

Dott.ssa Marisa Mazzi presidente della associazione Isolina e …….
Dott. Michelangelo Tomelleri_ moderatore della serata

Presenti in sala molte donne che sono intervenute con interessanti domande poste agli illustri relatori, tra la platea giornalisti, politici  ed il Direttore Sociale e della Funzione Territoriale della ULSS 21 il Dottor Franco Moretto, mostrando la sua sensibilità sulla argomentazione con un interessante discorso.

Il Dottor Michelangelo Tomelleri, portando ad esempio l’esperienza vissuta personalmente con Stefania Bendazzoli nelle vesti di responsabili della Accademia della Formazione Sanitaria Verona, nelle scuole materne ha considerato fattibile e positivo iniziare l’educazione sociale, culturale e il rispetto nella persona più debole. Il bambino impara dai genitori anche i rapporti errati che vi sono tra i due coniugi, usandoli come metodo per interfacciarsi con i suoi simili diventando un bullo, o quando lui diverrà adulto li userà con la sua compagna, ripresentando sistematicamente ai suoi figli l’esempio. Una possibilità di limitare questo  fenomeno potrebbe essere un intervento con personale qualificato fin dalle scuole materne, con laboratori didattici specifici.

L’Accademia della Formazione Sanitaria Verona, è pronta raccogliere qualsiasi spunto per attuare iniziative in tale proposito, pur già operando dalle scuole materne fino alle superiori, con argomenti come “Progetto Sicurezza”, “Bullismo Cyber bullismo”, Pronto soccorso pediatrico ecc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *